Multe AutoVelox Nulle : La Vergogna perpetuata dal Sindaco Luigi Messina

Sempre più utenti ormai conoscono il problema. Devo dire anche molti ci riconoscono di aver diffuso questa conoscenza. E quello che soprende è che tra questi non sia possibile che non vi siano uomini e donne di questa farlocca amministrazione comunale capitanata da un vergognoso Sindaco, tal Luigi Messina.

L’AutoVelox che scatta foto alle utenze che superano i limiti di velocità in quel punto, uscita Nord di Mascali, SS114 direzione Messina, lo fa ad un costo molto elevato.

Le multe, come già molti sanno e altri hanno capito per via di come scriviamo oltre ogni scherno e rappresaglia letteraria, sono “Nulle“.

Significa che il Comune esegue lo stesso la multa, spese di notifica, spese legali per gli ovvi ricorsi, oltre a pagare la manutenzione dell’apparecchiatura, etc. causando quindi un danno erariale.

La legge impone che le rilevazioni degli eccessi di velocità tramite autovelox in città siano sempre effettuate alla presenza degli agenti, che hanno l’obbligo di contestare al momento l’infrazione al conducente.

Non è possibile, quindi, né il rilevamento automatico da remoto dell’eccesso di velocità (come accade con gli autovelox nascosti in box o ai margini della strada che funzionano da soli), né inviare la multa in un successivo momento a casa del trasgressore.
Queste limitazioni non sono applicabili sulle autostrade mentre, sulle strade urbane a scorrimento e su quelle extraurbane principali, è possibile il rilievo automatico e la contestazione differita, solo a condizione che vi sia un’autorizzazione del Prefetto che individui l’esatto tratto della strada dove non è necessaria la contestazione immediata.
Pertanto, quando dalla foto dell’infrazione emerge che essa è stata commessa su un lungo rettilineo dove non sarebbe stato difficile o pericoloso intimare l’alt, gli agenti devono chiarire perché, nonostante questo, il veicolo non sia stato fermato subito e a tal fine non possono usare formule prestampate e generiche.
Sono, in sostanza, le conclusioni a cui è giunta la Sesta sezione civile della Cassazione con l’ordinanza n. 27771 del novembre 2017, pronunciata in riferimento ad un ricorso contro un verbale che conteneva la generica indicazione tratta dall’articolo 201, comma 1-bis, lettera e, del Codice della Strada e secondo cui l’infrazione non è stata contestata immediatamente perché era stato usato un apparecchio che consente «la determinazione dell’illecito in tempo successivo» quando il veicolo è già a distanza dagli agenti.
Ma, secondo la Corte, in via di principio, su un lungo rettilineo nulla impedisce l’alt al veicolo che si ritiene abbia compiuto l’infrazione: si possono anche leggere su un display remoto i valori rilevati dall’autovelox, appostare un’altra pattuglia poco dopo o usare un telelaser, che effettua la misurazione centinaia di metri prima del luogo in cui si trovano gli agenti.
Se tutto ciò non fosse possibile, basterebbe scriverlo sul verbale: i giudici, infatti, non possono sindacare sulle modalità con cui la Polizia organizza i propri servizi.
Però quest’ultima ha un obbligo di chiarezza e trasparenza col cittadino e non può liquidarlo con formule generiche, pregiudicando il suo diritto di difesa.

Quel tratto di strada è urbana e ci deve essere una pattuglia a contestare l’infrazione.

Il fatto è conosciuto poichè i ricorsi sono ormai a centinaia, e gli ovvi annullamenti dei verbali.

Questo è un danno erariale abbastanza cospicuo, perpetrato da chi non fa nulla tutto il giorno per l’Urbis, tranne che rimandare bighellonando in altre situazioni di poco profitto per l’utile sociale.

Gli incassi delle multe inflitte “a tradimento” saranno ormai, anche dopo questo post, di poco conto.

E’ una sciarada, ecco come amministrano, facendo sciarade, ingannando la gente, i contribuenti.

In quel punto non va messo l’autovelox ma va aperta la Via San Giuseppe Lato Nord per apportare un significativo cambio di rotta viario che dia a Mascali una nuova luce sul piano commerciale, quindi con un Triangolo spartitraffico ed ovvia segnaletica di rallentamento si può intervenire efficacemente per ridurre la velocità dei veicoli ed al contempo optare per una nuova e diversa soluzione di traffico che contribuisca a quella crescita di questo paese che per colpa di questi inetti amministratori è rimandata ad oltranza.

Se ci riesci Luigi Messina fai una cosa:

VERGOGNATI

*

Qui altri casi in cui è possibile annullare le multe inflitte con autovelox.

 

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
%d bloggers like this: