Richard Wagner : Entrata degli Dei nel Valhalla

Buongiorno paesi di corrotti e pusillanimi, buongiorno paesi di degenerati e saltafosse, questa grandiosità che voi mai capirete dal basso della vostra ignoranza è pur sempre dedicata all’immenso schifo che fate come Società e che questo Sito non fa altro che ricordarvi costantemente celebrando la Vostra Caduta, o misero tonfo nel fango di tutti Voi…Falsi Dei.

Wikipedia:

L’anima de L’oro del Reno è contenuta nella doppia maledizione di Alberich: la prima, scaturita dall’avidità, contro l’amore, cioè contro la forza vitale di rinnovamento; la seconda contro la stessa avidità e prepotenza degli dei.

È nel prologo della tetralogia, quindi, che si determinano le condizioni per la necessaria caduta del mondo degli Dei; un mondo fondato sull’avidità. Si noti che la maledizione lanciata da Alberich contro gli Dei non proviene da altra fonte che quella stessa avidità: un attacco del denaro a se stesso. Infatti, quando Wagner concepisce l’opera, l’Europa è soggetta a vasti fermenti rivoluzionari: il compositore si attende che il mondo che lo circonda cada. Poco importa che egli concepisca una palingenesi fondata su nuovi valori (Sigfrido) o un tragico declino; per lui un radicale cambiamento è inevitabile.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
%d bloggers like this: