Vaccino Sars Cov2 : La LAV impedisce la Sperimentazione sulle Scimmie

Vorrei..che tutti capiste quanto importante sia la Ricerca, come con la Ricerca oggi abbiamo l’unico modo di far sopravvivere la razza umana, e di come questa ricerca sia non solo eticamente valida, ma un bene superiore a tutti gli altri. E vorrei che ricordaste chi c’e’ a difesa da psicosi ossessiva schizoparanoide degli animali nel Comune di Mascali, tale e cotanta pazzia stessa da rasentare Odio verso l’intero Genere Umano.

Ricordatevelo alle Elezioni, chi sono loro, come con le loro scemenze vorrebbero permettere l’avallo di politiche assassine ed empie verso la specie umana.

Se si dovesse sperimentare un prototipo di vaccino contro Sars Cov2 in Italia non sarebbe possibile farlo per la vivida presenza di questi idiotazzi.

IlFattoQuotidiano:

Un barattolo pieno di popcorn su un tavolo e accanto un televisore sintonizzato su Curioso come George che, come sa chi ha un bambino o una bambina sotto i 6 anni, è cartone animato che ha per protagonista una scimmietta che combina guai. Nello stabulario del complesso Biotecnologico dell’Università di Parma Alan e Larry, i due macachi finiti al centro di una battaglia legale, però “preferiscono mangiare noccioline e giocare” come spiega Luca Bonini, neuroscienziato e professore dell’ateneo emiliano. Perché i due primati, nati in cattività e importati dall’Olanda, avevano iniziato l’addestramento per diventare protagonisti del progetto LightUp, autorizzato dal comitato etico del Consiglio Europeo della Ricerca, dall’organismo preposto al benessere animale dell’Università di Parma, e infine dal ministero della Salute, previo parere del Consiglio Superiore di Sanità. Il progetto però è stato congelato dal Consiglio di Stato, dopo un ricorso della Lega Antivivisezione, anche se sarà il Tar a decidere nel merito nell’udienza prevista martedì 21 aprile. Per ora quindi possono essere solo nutriti. In questo breve viaggio nel laboratorio siamo entrati nello stabulario, prima che scattasse l’emergenza sanitaria provocata da Sars Cov 2, dove sono tenuti gli animali e abbiamo chiesto perché non c’è una valida alternativa scientifica a questi test.

“Abbiamo bisogno del modello animale per individuare trattamenti efficaci” – L’obiettivo del progetto di ricerca “Meccanismi anatomo-fisiologici soggiacenti il recupero della consapevolezza visiva nella scimmia con cecità corticale” degli atenei di Parma e Torino è davvero ambizioso ovvero “trovare i meccanismi che sono responsabili” di una condizione di cecità provocata da traumi o ictus per esempio e che ogni anno in Italia riguarda circa 100mila persone. I test servono per aver informazioni fondamentali per le quali “abbiamo bisogno di studiare i cervelli” dice Bonini. Prima dello stop Alan e Larry giocavano con una scatola, una piccola gabbia nella quale premere pulsanti e prendere ricompense. Solo l’inizio di un percorso di ricerca. Lo sviluppo di un farmaco richiede dai 15 ai 20 anni e quando si tratta “di procedure riabilitative o dispositivi biomedicali o le due cose integrate, cioè creare uno strumento, che attraverso un processo riabilitativo, consenta di recuperare la funzione visiva – continua Bonini – sono necessarie informazioni di base che non si possono ottenere nei pazienti, abbiamo bisogno di un modello riproducibile, fare prove e individuare i trattamenti efficaci e poi passare ai test sui pazienti”.

Se i test potranno continuare i due macachi dovranno imparare a rispondere se hanno visto oppure no degli stimoli presentati su uno schermo, quindi riceveranno in anestesia generale” una piccola lesione della corteccia visiva che produrrà una macchia nel campo visivo “ed è una zona limitata”. I pazienti, per esempio, hanno lesioni più grandi pur mantenendo una certa capacità di riconoscere ed evitare ostacoli. “Noi utilizzeremo gli animali per studiare come il cervello elabora gli stimoli presentati dentro questa macchia” e capire come nei pazienti si può “ripristinare la consapevolezza visiva”. La missione, l’ambizione quindi è curare, ma “ogni paziente è diverso” e c’è bisogno del modello animale per “riprodurre un esempio, trattarlo sull’animale e quando troveremo il modo di farlo sulla scimmia queste informazioni saranno applicabili sui pazienti”.

Il professor Tamietto: “Lo stop danno alla ricerca, il progetto può andare all’estero”- “Il concetto di inutilità è il più doloroso per un ricercatore”. Marco Tamietto, professore ordinario di Psicobiologia e Psicologia fisiologica dell’Università di Torino, è il coordinatore del progetto LightUp. Ed è per questo motivo che è stato minacciato di morte – come è avvenuto anche a Bonini – e addirittura inseguito per strada. Minacce su cui indaga la Digos. L’accusa di inutilità sembra però preoccupare maggiormente questo ricercatore che prima di Torino lavorava a Oxford – dove è stato allievo Larry Weiskrant scopritore del fenomeno della visione cieca – dove ricorda che ogni giovedì ci sono associazioni animaliste che protestano democraticamente: “Se esistono cento strade percorribili e se ne scelgono dieci che poi si rivelano inefficaci quella procedura non è stata inutile perché chi arriverà dopo di noi avrà novanta strade”. E anche se è un “percorso verso l’ignoto” bisogna affrontarlo. Tamietto dice di essere provato: “Da mesi di disparità di mezzi”, dalle “minacce” e “aggressioni” e di essere preoccupato per i giovani scienziati coinvolti: un ricercatore arrivato dalla Francia e una dottoranda arrivata da Trieste: “Il mio lavoro non riesco a farlo, ma ce l’ho”. Sono circa 100mila ogni anno pazienti con lesione al cervello e un problema di campo visivo, lo stop dei giudici avrebbe una inevitabile ripercussione. “La ricerca è sempre in ritardo per definizione, in ritardo per nuove cure, in ritardo rispetto alla richiesta di conoscenza. Lo stop è un danno ai pazienti e alla conoscenza. Il progetto male che vada se ne va all’estero”.

all’estero manderei invece gli animalisti, dei luridi ignorantoni.

Gli Animalisti Bestialisti sostengono che è inutile “sperimentare”. Gli stessi dei No Vax, delle Sardine, degli scemi. Loro sono i veri infetti.

Bisogna sperimentare sulle scimmie, è essenziale.

Qui il Neuro Scienziato Rizzolatospiega spiega non solo perchè ma anche i benefici, che ovviamente gli ipocriti ed ottusi idioti animalisti si godono, legati alla sperimentazione sulle scimmie che ieri ed oggi hanno dato come risultati cure che la massa da per scontati.

Qui invece un primo test condotto sulle scimmie che ha permesso dis coprire un farmaco efficace contro il virus sars Cov2.

Rimane tuttavia essenziale la sperimentazione dei prototipi del vaccino sulle scimmie per limitare questa sperimentazione sugli umani solo dopo che l’ultima scimmia sarà trovata immune al virus.

Dopo tutto, non è nemmeno sicuro che un vaccino verrà mai trovato.

2 thoughts on “Vaccino Sars Cov2 : La LAV impedisce la Sperimentazione sulle Scimmie

  1. Buongiorno Usul.
    Lascio questo commento qui, non per l’attinenza ma per segnalarti quanlcosa di “GLOBALE E PERICOLOSO” che sembra esserti sfuggito a causa della
    disinformazione globale.
    A Chernobyl tra il 7 e il 14 aprile, a causa di un incendio in prossimità della zona contaminata, si è formata una nube tossica, che i venti hanno “distribuito”
    su quasi tutta l’Europa.
    Ovviamente nessuno parla dei pericoli per la salute che questa nube rappresenta….

    1. Ne sono a conoscenza , anche qualche anno fa accadde la stessa cosa, c’e’ un disinteresse generale, comunque ho seguito la cosa, l’incendio è stato domato. Non credo sia stato doloso, non vedo motivi, sarà stato un evento accidentale.
      Comunque, siamo a favore del nucleare, e Chernobyl è una falsa propaganda del nucleare come pericolo, se ne dovrebbe parlare solo in chiave politica per dire che il Comunismo fa disastri e genocidi, ma purtroppo essendo la stampa in mano ai Cultural Marxisti questi coprono la loro utopia di morte con la fasulla storia delle radiazioni come puro Orrore, facendo del nucleare il nemico quando invece è la salvezza.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
%d bloggers like this: