Elezioni : L’Ex Consigliere Ernesto Pariti ieri è rimasto 2 Ore a parlare con il Sindaco Luigi Messina

Già basta il titolo e la notizia precedente a dare un quadro chiaro della situazione, ma è bene chiarire anche agli inquirenti cosa sta avvenendo.

Non mi rivolgo più ai Mascalesi, considerandoli una popolazione di accattoni e di schifo, ma ormai mi rivolgo solo alle Forze dell’Ordine di Catania, all’Eccellenza Incorruttibile delle Investigazioni, non ai militari che dovrebbero stare solo in divisa verde e mimetica e non a DARE L’IDEA e l’IMMAGINE DI COME TUTTI VIVIAMO , a ragion veduta, IN UNO STATO DI DITTATURA MILITARE.

Ernesto Pariti, insieme a G.L.Cardillo, furono i due artefici pseudo-politici(o affaristi della politica, n.d.R.) che promossero un imprenditore fallito, protestato, con debiti fin sopra il collo, uno senza meriti politici, che MAI E DICO MAI PROVE ALLA MANO SI ERA INTERESSATO AL COMUNE DI MASCALI NEL QUINQUENNIO DELLA LEGISLATURA DEL DUO Monforte – Susinni, a Sindaco, cioè l’immobiliarista Luigi Messina, pupillo del Marchese Gravina, il quale ci riferiscono appartenere alla Massoneria.

Si narra anche che poichè non esistevano motivi politici dietro l’attentato al bagnetto del suo ufficio immobiliare in via immacolata per darsi popolarità e vincere le elezioni, dato che era disperato in un imbuto di debiti, c’era lui stesso, a mio avviso è una pista molto concreta e probabile, vi sfido a dimostrarmi diversamente, non so se è la verità ma, di nuovo, a mio avviso è una pista molto concreta e possibile per una nullità politica che oltre ad essere un fantasma altro non fu nei sette anni antecedenti alla sua elezione.

Anche di questo avviso è stato il Consigliere Pippo Barbarino, che rivaluteremo in un prossimo articolo, sempre che non si venda come Ernesto Pariti sta facendo in queste ore.

Non tenete conto della musica mafiosa del video, e del montaggio utile a dare la falsa idea che la Mafia non voleva Luigi Messina a Sindaco, infatti l’autore del video finirà poco dopo le elezioni assunto senza gara o concorso pubblico come addetto ufficio stampa del Comune di Mascali ben pagato dal Sindaco Luigi Messina.

Ma, pochi sanno, che il Deus Ex Machina dietro tutta questa operazione di marketing politico di un mero fallito è stato il Dott.Salvino Patanè, un personaggio poco avvezzo alla mondanità, tranne quando faceva coppia fissa con Biagio Susinni nell’età d’oro degli anni 80,

Da Sinistra in basso: Santo Vinci, Biagio Susinni, Salvino Patanè, Alibrandi, Da Sinistra in Alto: Spina, Alfio Maccarrone, l’uomo per tutte le stagioni salviniane.

uno che non vuole apparire, nemmeno di fronte ai Magistrati negli anni 90 che spiccarono un mandato di arresto per vari reati, tra cui l’invio multiplo di lettere anonime, tanto che si diede alla Latitanza.

Il Duo: Salvino Patanè e G.L.Cardillo inquadrati nel momento della Vittoria del loro puledro strisciante per risollevare le loro sorti grazie al Comune di Mascali ancora una volta.

Questo trittico, G.L.Cardillo, S.Patanè, e Pariti, fece vincere le elezioni a questa nullità ignorante, uno che quando esce dalle stanze dei notai viene preso in giro per la sua pochezza intellettuale e per come irride con il suo stesso essere la stessa pubblica amministrazione di cui fa parte.

Il giorno dopo l’insediamento come Sindaco, tra i primi atti non ufficiali eseguiti da questo ciarlatano vi fu il siluramento proprio di Ernesto Pariti.

Questa azione fu dettata dall’odio del Deus Ex Machina Salvino Patanè verso Ernesto Pariti, uno che sicuramente avrebbe messo in pericolo i veri piani del Comitato di Affari messo su per l’elezione del protestato poichè al contrario dello stesso Patanè a Pariti piace apparire e farsi notare.

Dopo che G.L.Cardillo fu anch’egli silurato, un annetto dopo, in modo da snellire ulteriormente il piccolo mucchio selvaggio alla conquista dell’Eldorado Mascalese, proprio costui decise di scendere in campo e proporsi nuovamente come Sindaco, dopo aver già perso due competizioni elettorali, rispettivamente nel 1995 e nel 2008, in modo da raggiungere quel prestigio, che fu del padre, ed avere sia un buon stipendio che una totale supervisione, al momento negata poichè ad “esclusiva” dell’Immobiliarista Luigi Messina, del Sacro Graal Mascalese, o Piano Regolatore Generale.

Ernesto Pariti dal momento che fu silurato all’altro ieri professava odio e disgusto ininterrotto verso il suo ex pupillo politico, ma ora le cose stanno cambiando, le elezioni si avvicinano e c’e’ tanta fame un pò ovunque. E quindi, la visita di Ernesto Pariti ieri al Comune, e le due ore spese nella sua stanza privata, lasciano presagire che il Pariti stia cercando di trovare un accordo finale, tra G.L.Cardillo e Salvino Patanè, in modo che chiunque dei due vinca le elezioni, mentre uno dei due finirà tra l’altro come secondo con i 5 consiglieri, possa garantire una pace perpetua fino all’approvazione finale del P.R.G. con la benedizione dei suoi padrini.

Tutto questo e molto altro presto sarà riferito alla DIGOS in modo da anticipare i loschi piani che come tetre nubi avvolgono questo Comune di schifo e popolato da accattoni.

Inoltre informo le Signorie Politiche che hanno letto fino a qui di non ringraziarmi per tenervi sotto tensione, pressione e assalto, e per auspicare che il Comune con voi dentro possa finire sotto ferro e fuoco giurisprudenziale, ma ringraziate la Dott.ssa Assessora Virginia Silvestro, la Vostra Regina di Cuori, o di Picche, secondo i punti di vista, se è la vostra allora secondo la vista miope che vi ritrovate, nella partita a poker che avete intrapreso senza fare i conti con il mazziere.

Tanti Auguri, ora ne avete più che mai bisogno in un momento così topico..e solitario al comando…LoL…

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
%d bloggers like this: