La G.D.F. e la Magistratura sequestrano la più Grande Biblioteca Pubblica Online del Mondo

Di recente avete sentito delle Operazioni della Guardia di Finanza per fermare il traffico di giornali a pagamento resi pubblici dietro iscrizione a gruppi WhatsApp o Telegram ma questa non l’avete ancora sentita sicuramente…

Il Progetto Gutenberg, la più antica biblioteca digitale del mondo, è stato bloccato dagli ISP in Italia per ordine del Tribunale di Roma. La piattaforma, che si concentra su libri di dominio pubblico, ma è stata etichettata come sito pirata in un’azione mirata a 28 domini e diversi canali di Telegram da parte del G.A.T.

Chi si informa su Internet da quando Internet è nata, cioè chi non frequenta facebook, sa dove informarsi ed è praticamente impossibile che non abbia mai sentito parlare del Progetto Gutemberg, una biblioteca libera i cui testi sono per la maggior parte di pubblico dominio, o in quanto mai coperti da diritto d’autore o da copyright, o in quanto decaduti questi vincoli.

Fondato nel 1971, il Progetto Gutenberg ha attualmente a disposizione circa 63.000 libri, con attenzione ai titoli che sono entrati nel pubblico dominio dopo la scadenza dei loro diritti d’autore. La biblioteca contiene alcuni libri protetti da copyright, ma questi sono distribuiti con l’espressa autorizzazione dei proprietari.

Il Progetto Gutemberg è considerato come un grande contributo all’istruzione e alla cultura.

Ma dei Magistrati ignorantoni hanno creduto ad altrettanto ignoranti ufficiali: FIRMANDO ALLA CIECA SU ORDINI DI CENSURA, BLOCCO, AZIONI COERCITIVE VOLTE A LIMITARE LA LIBERTA’ D’ESPRESSIONE, DI ISTRUZIONE E DI OPINIONE.

Come lo fanno con le persone lo fanno anche con i siti internet, ricordate. Pesca a strascico.

Pensate la figuraccia che queste Autorità Italiane ci hanno già fatto fare all’estero…

Hanno dichiarato Gutenberg.org Sito pirata a scopo di lucro e illegale!!!!

Ecco l’ordine di sequestro in formato .PDF

“L’indagine, condotta da un’unità speciale della Guardia di Finanza, è stata sviluppata nel contesto del monitoraggio delle reti Internet mirate per combattere i reati economici e finanziari perpetrati online.
In questo contesto, gli operatori hanno identificato alcune risorse web registrate su server stranieri che rendono disponibili al pubblico contenuti e riviste nelle prime ore del mattino, consentendo agli utenti di visualizzare o scaricare copie digitali”, si legge nel documento del tribunale. (tradotto dall’italiano)”

L’Ordine del tribunale inviato anche a Google. Il mittente è Reccia Giovanni che è elencato come comandante della GdF. Come mostra l’immagine qui sotto, Gutenberg.org è al 15 ° posto nell’elenco dei siti in presunta violazione.

Secondo il suo rapporto sulla trasparenza, Google ha ricevuto richieste di eliminazione di 1.110 URL Gutenberg.org dai suoi risultati di ricerca ma la società non ha adottato “nessuna azione” per contrastrare il Progetto Gutemberg.

Invece le forze congiunte della GDF, del tribunale e del cane malato da guardia delle telecomunicazioni AGCOM, che di fatto gestisce il blocco, non sono in grado di conoscere nel 2020 la differenza tra un sito pirata e una biblioteca di dominio pubblico mondiale.

Che figuraccia…

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
%d bloggers like this: