Denuncia Gestione Fondi Buoni Spesa : L’Amministrazione rimane in una Situazione Molto Torbida

Ieri è stata recepita una missiva di risposta ad un Protocollo di Richiesta Trasparenza Atti Amministrativi con Art.328. L’Amministrazione coinvolta in un presunto Data Breach rimane invischiata in una situazione molto torbida e che si aggrava con l’andar, o andazzo, del loro tempo. Analisi e Rivelazioni.

L’Amministrazione guidata da Luigi Messina , Don Abbondio, e l’Assessore alla Telmematica Carmelo Portogallo in questo frangente, nega un Data Breach.

Ma come possono negare qualcosa che neanche conoscono appieno.

Dovete sapere che oggi è ormai consolidata la posizione del Garante della Privacy che considera l’indirizzo eMail di un utente come un dato personale.

Ai sensi del GDPR, infatti, per dato personale si intende: “Qualsiasi informazione riguardante una persona fisica identificata o identificabile“.

L’invio massivo di email a indirizzi personali utilizzando il campo “CC” (anziché “CCN”) può causare un data breach, in quanto comporta la diffusione di un dato senza consenso dell’interessato.

Ed invio massivo di Mail c’e’ stato come traspare dalla loro torbida risposta.

Infatti quando si spedisce un’email si utilizza il campo A(destinatario), ma quando la comunicazione è inviata a più soggetti, in genere si usa il campo “CC”(copia carbone), il CC indica al destinatario che l’email verrà inoltrata anche ad altri utenti.

Ma inserendo in “CC” tutti gli indirizzi email, ciascun destinatario verrà a conoscenza dei recapiti degli altri.

Per questo viene utilizzato il “CCN”(copia carbone nascosta) che consente di inviare una email a una o più persone senza che il destinatario e gli eventuali utenti in copia possano vedere gli indirizzi di posta elettronica degli altri.
Ricapitolando: gli indirizzi indicati in “CC” sono visibili a tutti i destinatari, mentre quelli riportati in “CCN” non sono visibili agli altri.

Appare quindi evidente come il personale di segreteria debba essere adeguatamente formato sulle modalità di invio delle email.

La diffusione dell’indirizzo email di un dipendente o di un utente, violarne il diritto alla privacy, e potenzialemnte espone la vittima di questo che viene chiamato DATA BREACH a eventuali furti di identità, o cyber stalking.

Non sappiamo, dalla risposta torbida fornita alla richiesta C.P.328, se il Comune abbia risposto a queste utenze utilizzando il CC invece che il CCN, ma lo scopriremo.

Quello che è dato sapere è che , a loro difendersi, la casella di posta elettronica era satura.
Ma siamo nel 2020, ormai i principali provider garantiscono spazio fisico per GB e GB di spazio,
quindi o hanno fornito un indirizzo di posta elettronica sbagliato, o stanno utilizzando un Provider “fai da te”, quindi non affidabile: se non è in grado di ricevere centinaia di mail al giorno ESSO E’ INAFFIDABILE, e quindi i dati personali degli utenti che ESSO CONSERVA sono sicuramente esposti a falle di sicurezza che sfocerebbero in un DATA BREACH, al momento sempre riteniamo non conclamato ma più che solo ipotetico.

Il torbido nella risposta si amplia quando viene difeso l’operato del funzionario che ha fissato i termini per la fine delle presentazione delle domande per giorno 22 Aprile siglando questo il 23 Aprile, cosa burocraticamente abietta. Inscusabile.

E il torbido continua quando , quasi con gli occhi fuori dalle orbite, si fanno vittime con la frase “Alla Data dell’Avviso col quale veniva fissato nel 20 aprile 2020 il termine ultimo per la presentazione delle domande…

Ah non era il 9 Aprile? Ah non era il 22 Aprile? Il 20?

.. all’Ente erano pervenute quasi mille domande“, quando erano pervenute mille domande? In che data? Sapete scrivere in Italiano? Perchè apparite confusi?

Come mai a Giugno ancora non sanno quante domande sono pervenute esattamente? Forse perchè si potrebbe fare il calcolo su come la redistribuzione è avvenuta?

Ed il numero 1000 riappare qualche riga sotto:

La previsione di un termine, a fronte dell’elevato numero di domande già pervenute, quasi mille, si rendeva in quel momento necessario (necessaria, ignoranti, “previsione” è femminile, n.d.R.)…”

Quale è questo “MOMENTO“?

Il buono doveva essere richiesto dagli indigenti, senza R.D.C., o R.E.I. o C.I.G. VI RENDETE CONTO CHE 1000 DOMANDE EQUIVALGONO AD UNA MEDIA DI 2 o 3 PERSONE A DOMANDA per Mascali (il cui reddito imponibile PRO CAPITE è 14,740 a fronte di 7,973 CONTRIBUENTI, ed altrettanti ELETTORI, infatti quello è più o meno il dato degli aventi diritto al voto su 14000 Abitanti) SONO UNA FOLLIA DA ABERRAZIONE PER DERELITTI?

A tal riguardo l’Amministrazione, che a mio avviso fin da subito ha previsto di pararsi questo colpo, DICE CHE HA TRASMESSO GLI ELENCHI alla Guardia di Finanza per avviare i controlli. Mi auguro il completo elenco..ma anche un elenco di 1000 domande di questo tipo deve in base al dato ISTAT e INPS dare la certezza che i conti non quadrano affatto.

Notate alla fine della missiva la sobrietà ed il garbo istituzionale di codesti amministratori la cui educazione viene oscurata dal risentimento e dal rancore per non essere lasciati in pace, sentimenti di odio e ripugnanza che sfociano IN UN NESSUN CORDIALE SALUTO ALL’UTENTE CITTADINO CHE HA POSTO LORO QUESTI QUESITI DI CHIARIMENTO AMMINISTRATIVO IN VIRTU’ DEL POTERE CONFERITO DaLL’ART.328 DEL NOSTRO CODICE PENALE.

Poi siamo venuti a sapere che l’Assessore all’Igiene e servizi sociali Virginia Silvestro ha messo ripetutamente in difficoltà, per via della sua opinabile gestione delle risorse per l’emergenza, le nostre valide ed affidabili Dottoresse e Funzionarie dei Servizi Sociali, quali la Dottoressa Daniela Belfiore e la Dottoressa Olivia Bartolotta, alle quali va la nostra solidarietà, in un momento molto difficile come questo dove i dipendenti comunali, capi area e non, sono ridotti al silenzio, umiliati nelle loro funzioni vitali e necessarie per il pubblico, urtati nella loro sensibilità professionale, valide operatrici sociali costrette a fare da ariete e scudo a questi amministratori che , a mio avviso, sviliscono in maniera indecorosa il loro operato quotidiano per la salvaguardia sociale del nostro martoriato territorio.

In ultimo ma non meno importante,
voglio ricordare all’Amministrazione, nostra avida lettrice e vittima della nostra ossessione pro-civica, che ci stiamo informando in queste ore se i Comuni viciniori hanno già incominciato la suddivisione dei buoni regionali per l’Emergenza, dato che è facile intuire che qui la distribuzione sia frenata fino all’inverosimile in modo tale che questa redistribuzione di aiuti parta da Agosto per finire in Settembre, cioè all’imminente inizio della Campagna Elettorale.

Studiate la Matematica.
E’ la Chiave dell’Universo.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
%d bloggers like this: