Financial Times : “Come la Mafia si è infiltrata negli Ospedali italiani e ha riciclato i profitti a livello Globale”

Articolo uscito 13 ore fa ed adattato in italiano. Buona lettura.

Financial Times

Il corpo di suo figlio era appena freddo quando il padre in lutto fu minacciato dagli uomini della compagnia funebre. All’interno dell’obitorio di un austero ospedale di Lamezia Terme, una città dell’Italia meridionale, i morti non sono lasciati in pace. Ogni cadavere è ora un bene molto apprezzato, che vale migliaia di euro per i criminali organizzati più spietati d’Europa.

Gli uomini della compagnia funebre in qualche modo sapevano quali pazienti erano deceduti anche prima delle loro stesse famiglie. Attraverso le intimidazioni avevano ottenuto l’accesso alle cartelle cliniche centrali dell’ospedale, permettendo loro di controllare i più malati e con maggiori probabilità di morire. Se i parenti pensassero di scegliere una diversa compagnia funebre per portare via la persona amata, alcuni uomini si sarebbero presto assicurati di fargli idea.
“Si stanno quasi picchiando a vicenda per competere sui pazienti malati”, ha detto un collega terrorizzato a un altro collega in una conversazione segretamente registrata da investigatori antimafia italiani.
Il personale medico non ha potuto intervenire. “Stanno agendo con una indicibilità spudorata”, ha detto l’impiegato. “Quando sono arrivati ​​i parenti, hanno scoperto che il becchino erano già lì.”
Questo ospedale pubblico nella regione Calabria era stato infiltrato dalla “Ndrangheta”, una mafia che rimane poco conosciuta fuori dall’Italia ma che è diventata una delle imprese criminali più pericolose, attive a livello internazionale e finanziariamente sofisticate nel mondo occidentale.

Negli ultimi due decenni, le principali famiglie della Ndrangheta hanno ampliato le operazioni molto al di fuori della loro piccola regione di origine. Oggi controllano gran parte delle importazioni di cocaina in Europa, nonché il traffico di armi, l’estorsione e il riciclaggio di denaro transfrontaliero. Diverse centinaia di clan autonomi sono stati trasformati in una delle aziende di maggior successo in Italia, con alcuni studi che stimano il loro fatturato annuo complessivo pari a 44 miliardi di euro, ritenuto dalle forze dell’ordine come più di tutti i cartelli messicani della droga messi insieme.
Eppure, anche tra attività criminali così redditizie, le ricchezze offerte dal saccheggio del sistema sanitario pubblico italiano si sono rivelate un’opportunità d’oro. Corrompendo i funzionari locali, i criminali organizzati sono stati in grado di trarre enormi profitti dai contratti stipulati con le loro stesse compagnie di facciata, stabilendo monopoli su servizi che vanno dalla consegna di pazienti in ambulanze difettose al trasporto di sangue per portare via i morti.
Tutti questi servizi sono stati fatturati al contribuente italiano attraverso il servizio sanitario finanziato a livello centrale ma amministrato a livello regionale, che distribuisce un budget annuale di miliardi di euro, un premio senza rivali per le bande criminali. La stretta dei clan era così stretta che i medici di Lamezia Terme riferirono di dover aspettare fuori dal reparto ospedaliero uomini della Ndrangheta per aprire la porta chiusa con le loro chiavi.

Obbligazioni mafiose italiane vendute a investitori globali
Un’indagine del Financial Times ha stabilito come la scia di denaro proveniente da questi crimini sia penetrata nei centri finanziari di Londra e Milano. Negli ultimi cinque anni, i profitti ottenuti dalla miseria dei pazienti negli ospedali calabresi sono stati raggruppati in strumenti di debito utilizzando il tipo di ingegneria finanziaria generalmente favorita dagli hedge fund e dalle banche di investimento. Centinaia di milioni di euro di queste obbligazioni, molte contenenti fatture dubbie firmate da parti del sistema sanitario successivamente scoperte come infiltrate dalla criminalità organizzata, sono state vendute a investitori internazionali che vanno dalle banche private italiane a un fondo pensione della Corea del Sud.
L’uso precedentemente non segnalato dei mercati dei capitali da parte di clan mafiosi che traggono profitto dalla crisi sanitaria calabrese mostra fino a che punto una sottocultura criminale, una volta derisa dagli allevatori di capre della montagna, si è metastatizzata in un sindacato criminale globalizzato che è tanto comodo nel mondo dell’alta finanza quanto lo è estorcere le imprese locali.
Il modo in cui la Ndrangheta è emersa come una delle imprese criminali di maggior successo al mondo può essere compreso solo rendendosi conto di quanto la sua struttura organizzativa agile e imprenditoriale si adatti alla vita pubblica calabrese.
La Calabria non è solo la regione più povera d’Italia, ma una delle più svantaggiate dell’UE. Con una popolazione di due milioni, il suo prodotto interno lordo pro capite è di € 17.200, quasi la metà della media europea. Un cavo diplomatico americano nel 2008 ha osservato: “Se non facesse parte dell’Italia, la Calabria sarebbe uno stato fallito“. “La Ndrangheta, si legge,” controlla vaste porzioni del suo territorio e della sua economia e rappresenta almeno il tre per cento del PIL italiano (probabilmente molto di più) attraverso il traffico di stupefacenti, l’estorsione e l’usura “.
Un decennio – e tre recessioni italiane – in seguito l’economia locale è peggiorata, con la regione costantemente all’ultimo posto a livello nazionale in quasi ogni categoria. La disoccupazione è aumentata dal 12,9% nel 2010 a oltre il 20% oggi.

Per decenni, quasi nessuno in Italia ha prestato attenzione alla “Ndrangheta, il cui nome deriva dalla parola greca per “coraggio”. A metà degli anni ’90, tuttavia, si aprì una grande opportunità. Cosa Nostra siciliana era stata devastata da una sostenuta campagna antimafia da parte dello stato italiano. I calabresi colsero l’occasione per prendere le loro relazioni con i cartelli della droga latinoamericani.

A differenza di Cosa Nostra, le famiglie che compongono la Ndrangheta non sono organizzate in una struttura centralizzata dall’alto verso il basso, ma invece gestiscono le proprie unità autonome, o Ndrine, ciascuna radicata nel territorio che controlla. E, a differenza della mafia siciliana o della camorra di Napoli, l’appartenenza al diverso Ndrine è quasi interamente organizzata attorno a relazioni di sangue o da matrimoni misti tra clan. Ciò li ha resi più resistenti di altri gruppi criminali organizzati alla penetrazione dello stato nelle loro operazioni.
I patriarchi controllano quali membri del clan sono introdotti nei livelli più alti dell’organizzazione, con i figli che spesso subentrano nel caso in cui i loro padri fossero imprigionati o uccisi. Nel marzo di quest’anno, Rocco Molè, un rampollo di 25 anni di una delle famiglie criminali più affermate della Calabria, la Ndrina del porto di Gioia Tauro, è stato arrestato e accusato di importare una spedizione di 500 kg di cocaina nascosta in contenitori di plastica.

Poiché diverse Ndrine sono diventate estremamente ricche, tuttavia, alcune parti delle loro generazioni più giovani hanno iniziato a sembrare molto diverse dai banditi rurali dell’era dei loro nonni. Con più soldi e operazioni sempre più complesse, è emersa una nuova classe di mafioso che può applicare l’analisi delle scuole di business alle sfide della gestione di una cospirazione criminale internazionale.
“Un certo numero di giovani generazioni, quelle con cui sono cresciuto contemporaneamente, sono laureati alla London School of Economics o addirittura ad Harvard. Alcuni hanno MBA”, afferma Anna Sergi, criminologa di origine calabrese all’Università dell’Essex. “Vivono fuori dalla Calabria e sembrano uomini d’affari rispettabili, non direttamente coinvolti nell’illegalità a livello di strada ma lì per offrire competenza tecnica quando è necessario.
Questa crescente sofisticazione finanziaria si unisce a un approccio brutale alla disciplina interna. Coloro che si ritiene abbiano screditato il nome della propria famiglia rischiano di essere assassinati dai propri parenti.

Nel 2011, la figlia di una famiglia criminale è morta in agonia dopo aver bevuto acido cloridrico. Suo padre, sua madre e suo fratello sono stati incarcerati per abuso dopo che i pubblici ministeri hanno dimostrato l’accusa più grave di costringerla a berlo come punizione per aver parlato con la polizia.

Mentre ci sono stati conflitti violenti tra clan Ndrangheta rivali, la cooperazione razionale è accettata come un bene per gli affari. Molto meno si sa sul funzionamento interno della Ndrangheta rispetto ad altre mafie, ma gli investigatori hanno scoperto prove di un comitato centralizzato per la risoluzione dei conflitti composto dai rappresentanti più anziani del più grande Ndrine.

Gli investigatori antimafia affermano che è comune per più famiglie riunire le proprie risorse in joint venture criminali, in particolare quelle incentrate su spedizioni transfrontaliere di cocaina per centinaia di milioni di euro.
È attraverso lo spietato controllo sull’attività economica nel loro territorio di origine che queste famiglie hanno creato una base da cui espandere rapidamente la loro attività criminale all’estero, reinvestendo i profitti dall’estorsione nel traffico di droga altamente redditizio e in altre iniziative criminali.

Chiunque nella propria regione si opponga apertamente ai clan non solo rischia la propria vita, ma viene anche inserito nella lista nera pubblica. In alcuni casi, l’ombra della ‘Ndrangheta li insegue sia a casa che ovunque si nascondono.
Gaetano Saffioti, 59 anni, gestisce una cementeria nella città di Palmi, a 100 km da Catanzaro, la capitale della regione. Diciotto anni fa, divenne uno dei pochi uomini d’affari calabresi a testimoniare pubblicamente contro un clan Ndrangheta che gli aveva estorto denaro.
Negli anni che seguirono, la sua attività non vinse un singolo contratto in Calabria. Quando provò in altre parti d’Italia, i camion della sua compagnia furono incendiati. Quando vinse un contratto in Francia, i suoi camion furono nuovamente incendiati. “Chiedono la loro parte di tutto ciò che fai – è una tassa che tutti devono pagare. Non puoi vendere un appartamento senza pagarli, non puoi aprire un’attività senza il loro permesso “, dice, parlando al telefono dalla sua casa pesantemente fortificata.
“Distrugge la regione”, aggiunge. “Stiamo diventando sempre più poveri, ma questo è quello che vogliono. Più siamo deboli, meno è probabile che resistiamo. La “Ndrangheta ha dentro di noi, nelle nostre menti. La maggioranza si adatta semplicemente al sistema. “

Nicola Gratteri, 61 anni, è nato in Calabria e vi ha vissuto quasi tutta la sua vita, ma il pubblico ministero sa a malapena come si presenta oggi la zona intorno a lui. Come conseguenza della lotta contro la ‘Ndrangheta, Gratteri è sotto la protezione permanente della polizia dal 1989 e non è in grado di lasciare il suo ufficio a Catanzaro senza una guardia del corpo. Quasi tutti i giorni mangia da solo e lavora fino a tarda sera.
“Non conosco la città in cui vivo. Non posso avere normali relazioni con le persone. Non posso andare al cinema. Non posso fare una passeggiata o andare in spiaggia a sei chilometri da casa mia. Parto la mattina, mangio in ufficio nella stessa stanza e vado a casa “, dice al telefono al telefono.
Da bambino, Gratteri andò a scuola con un ragazzo il cui padre fu assassinato dalla “Ndrangheta. Un’altra ragazza della sua classe era figlia di un famoso boss del crimine. Uno dei suoi amici d’infanzia si unì successivamente a un clan. Decenni dopo aver giocato insieme da giovani, Gratteri ha finito per perseguirlo in tribunale.
La dedizione di Gratteri lo ha reso sempre più famoso in tutta Italia. Eppure vive ogni giorno sapendo che la morte lo sta perseguitando. La polizia ha sventato numerosi tentativi di togliergli vita. Nel 2005, hanno scoperto un deposito di armi, tra cui Kalashnikov, lanciarazzi ed esplosivi di plastica, che credevano fossero destinati a uccidere lui e le sue guardie del corpo.
Mentre continua a perseguire i casi contro le principali famiglie criminali della Calabria, il numero di persone che lo vogliono morto è cresciuto. “Mi hanno dato nuove auto che dovrebbero resistere agli esplosivi, mi hanno dato più sicurezza a casa mia e sulla strada che prendo in ufficio”, dice. “Sto molto attento. Cerco di evitare situazioni pericolose, ma recentemente è diventato ancora più difficile. ”
Ci sono alcune aree della vita pubblica calabrese in cui “il sistema” contro cui Gratteri sta combattendo è più evidentemente al lavoro della gestione della salute pubblica della regione, dove vasti budget creano un’arena perfetta per far convergere politiche locali corrotte, interessi commerciali e criminalità organizzata.
In Calabria, la storia dell’assistenza sanitaria rispecchia il fallimento dello stato“, afferma Sergi. “Ogni volta che arriva una nuova fazione politica, qualcuno viene arrestato – e ha sempre a che fare con il sistema sanitario. L’assistenza sanitaria è stata una bandiera rossa in Calabria per generazioni “.

Man mano che i profitti di queste famiglie criminali derivano dall’estorsione, il traffico di droga e la frode dello stato sono cresciuti, anche la necessità di trovare modi sempre più complessi di riciclaggio. Londra è una delle principali destinazioni per il denaro della “Ndrangheta”, secondo Claudio Petrozziello, rappresentante della polizia finanziaria italiana nel Regno Unito, che trascorre le sue giornate a indagare su quanto denaro sporco proveniente dalla criminalità organizzata si riversa nella capitale finanziaria europea.
Il lavoro di Petrozziello è diventato più difficile poiché le linee di demarcazione tra criminali mafiosi e finanzieri che indossano cravatte con titoli di studio sono sempre più confuse.

“Molte persone pensano ancora alla mafia come spacciatori ed estorsori, ma ci sono molti che sono coinvolti nel trasferimento di denaro fuori dalla Calabria e apparirebbero come uomini d’affari sofisticati. Si mescolerebbero in una banca di investimento o in una multinazionale “, afferma.

La storia di come il denaro saccheggiato dagli ospedali della Calabria finì per essere indirizzato nel sistema finanziario globale illustra i modi sofisticati in cui la “Ndrangheta ricicla i proventi dei suoi crimini. Attraverso interviste e analisi di documenti finanziari e documenti legali italiani, il Financial Times ha scoperto come i clan facessero uso di un vasto circuito finanziario. I proventi degli orrori degli ospedali corrotti erano involontariamente raggruppati da intermediari e mescolati con altri beni in prodotti di debito. Questi hanno poi attraversato la città di Londra, Lussemburgo e Milano, finendo per finire nei portafogli di investimento dei clienti di banche private e hedge funds.
Dal 2015 al 2018, centinaia di milioni di euro di fatture firmate da funzionari delle autorità sanitarie comunali a corto di liquidità sono state acquistate dagli intermediari. Questi intermediari acquistarono le fatture non pagate dai fornitori con un forte sconto perché erano, in effetti, garantite dallo stato italiano. Sono stati poi venduti a società finanziarie specializzate, che li hanno fusi in pool di attività e venduto obbligazioni di investitori sostenute da fatture non pagate.

[…]

Come funziona
Le società di servizi sanitari regolari che lavorano per gli ospedali italiani devono denaro agli ospedali. Invece di aspettare di essere pagati, vendono sulle fatture con uno sconto. Questo li aiuta a ottenere anticipatamente denaro, ma perdono un po ‘ciò che devono a causa dello sconto.
Gli acquirenti di queste fatture le impacchettano in un grande pool di fatture all’interno di un veicolo per scopi speciali, SPV, e quindi vendono obbligazioni agli investitori sostenute dalle fatture.
Gli investitori ricevono interessi pagati sulle obbligazioni poiché le fatture vengono gradualmente estinte dalle autorità sanitarie italiane. Gli intermediari lavorano per garantire il pagamento delle bollette e il flusso di denaro dall’autorità sanitaria all’investitore.

Un altro legame venduto privatamente analizzato dalla FT includeva fatture emesse da un ente di beneficenza religioso calabrese che si occupava dei rifugiati africani. Questo è stato successivamente attaccato in un’operazione antimafia per dirottare i fondi dell’UE nelle mani di un potente clan Ndrangheta. Gratteri, che ha guidato le indagini, ha descritto il cibo fornito ai rifugiati come “cibo che viene solitamente dato ai maiali”. Ventidue persone sono state condannate.

L’anno scorso, il governo centrale italiano ha intrapreso azioni drastiche. Roma ha sciolto le autorità sanitarie regionali di Catanzaro e Reggio Calabria per infiltrazioni mafiose, avendo scoperto frodi diffuse e doppia fatturazione delle fatture, nonché funzionari che lavoravano al loro interno e che erano stati banditi dagli uffici pubblici. Rimangono sotto amministrazione speciale. Ma circa 1 miliardo di euro di queste obbligazioni sanitarie private italiane è stato acquistato e venduto tra il 2015 e il 2019, secondo i partecipanti al mercato, con un numero significativo di fatture provenienti dalle due autorità sanitarie in amministrazione di emergenza. È impossibile quantificare il fondo di quanti soldi sporchi sono entrati nel sistema finanziario globale in questo modo.
“Le grandi banche si sono tenute alla larga da questo tipo di accordi relativi all’assistenza sanitaria in Italia”, afferma un professionista finanziario che ha lavorato su transazioni simili. “È un settore difficile, e in particolare in alcune regioni vi sono rischi che chiunque sarà coinvolto dovrà affrontare.”

Il costo umano di anni per il saccheggio del sistema sanitario calabrese è stato devastante. L’Italia ha una delle più alte aspettative di vita al mondo, ma le statistiche sanitarie della regione sono tra le peggiori in Europa. Il numero medio di anni in cui i calabresi godono di buona salute è pari a 52,9, secondo l’ufficio statistico italiano, inferiore sia alla Romania che alla Bulgaria. Un residente nella ricca regione del nord Italia di Bolzano, al confronto, gode in media 70 anni di buona salute. La Calabria ha anche il più alto tasso di mortalità infantile in Italia, mentre decine di migliaia di “rifugiati sanitari” lasciano la regione ogni anno per ricevere cure in migliori ospedali del nord.
I medici locali descrivono alcuni degli ospedali calabresi, che soffocano sotto montagne di debiti accumulati da corruzione, cattiva gestione e appropriazione indebita, alla pari con i paesi in via di sviluppo.

[…]

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
%d bloggers like this: