Hackerato il Ministero della Giustizia e il Tribunale di Catania : MeridioNews da Prova della sua Becera Ignoranza

Lol…non venisse da dire Lulz. Per chi come me segue ogni giorno la galassia informatica leggere certe stronzate pubblicate da inetti e wannabe giornalisti di quest’Isola popolata da gente di merda mi fa venire il voltastomaco. Ignorantoni LulzSec è estinto, e non si scrive Luzsec ignorantoni.

L’Attacco proviene da wannabe blackhat italiani che si rifanno al più famigerato ed originale team americano denominato LulzSec.

Non sappiamo ancora i dettagli e mai ci siamo curati di studiarci il codice o su quale hosting, ed altre info, poggi il Ministero della Giustizia, ma non ne abbiamo mai avuto una buona opinione ad impatto, un portale di due soldi, sicuramente messo su grazie a favoritismi nell’appalto.

Ed in questo fatto che non è un’opinione nostra anche quegli scarsoni più o meno buoni del fattoQuotidiano ci danno manforte:

[…]
Raccontiamo sempre la stessa storia, quella di incapaci piazzati in posti di seria responsabilità senza averne la benché minima competenza. Parliamo di persone che ostentano su Linkedin e dintorni le più bizzarre qualifiche anglofone e poi palesano il raggiungimento di quelle posizioni solo in virtù di un amico politico o di qualche altro incosciente che ne ha raccomandato l’avanzamento di carriera.

Poi arrivano quattro ragazzini che – quasi si giocasse ad indiani e cowboy – arrivano e legano tutti i prigionieri che nemmeno si rendono conto di quel che sta capitando. Quando si capirà che l’aspetto ludico di queste vicende non fa più ridere nessuno? Quando si avrà tempo, modo e voglia di affrontare il problema della sicurezza hi-tech che comincia proprio dalle piccole cose? In queste ultime settimane sono stati colpiti l’Agenzia per l’Italia Digitale, le Camere di Commercio, l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, l’Agenzia nazionale per i Servizi Sanitari regionali e la nonchalance regna sovrana.

La totale assenza delle istituzioni preposte alla salvaguardia del “perimetro cibernetico” del Paese non tranquillizza affatto. I vari Vecchione, Baldoni & C. che abbondano di rassicurazioni sulla solidità delle protezioni informatiche e sull’efficacia delle entità del Dis, del Cnaipic, dell’Agid, dei colossi industriali, perché non ci spiegano cosa sta succedendo?

Voglio solo ricordare ai nostri lettori che consideriamo Anonymous come quanto di peggiore sia mai esistito nella scena hacker dai suoi inizi ad oggi.

Idiotazzi che vengono manipolati dai servizi segreti di tutto il mondo, che fomentano il chaos ed il crollo della Società civilizzata pensando che defacciando un homepage e trafugando dati personali possa concorrere nel loro piano da ebeti e ritardati, per poi finire in lacrime dentro ad una cella d’isolamento e cagare il nome pure del fattorino che portava loro le pizze.

Leggere le cazzate che scrive Meridionews da alla nostra Nazione la credibilità che possono avere Rocco Casalino e Matteo Renzi. Attribuiscono a questi quattro coglioni il portento delle Operazioni Internazionali di Lulzsec hahah , come attribuire a Gaspare Spatuzza i colpi di John Dillinger o Patricia Hearst.

I LulzSecurity ITA, come detto, si rifanno ad una gang di idiotazzi degli Anonymous la quale finì sgominata perchè il loro capo, un gradasso mestizo di nome Hector Xavier Monsegur,

aveva fatto errori che solo un porco poteva fare, e non solo venne beccato come un idiota ma collaborò e fece arrestare tutti gli altri.

Prendere questi quattro coglioni per noi sarebbe più facile di sbucciare un’ananas ma c’e’ gente migliore di noi nelle Istituzioni, hackerate da quattro balordi, che può farlo. Lulz.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
%d bloggers like this: