Kings House CoronaVirus Hotel : Struttura della Quarantena violata, Digos in Azione

Era prevedibile, già avevo scritto che qualcosa del genere sarebbe successo, ed è successo. Non sappiamo se più di una, ma già una basta e avanza.

Catania.Today:

La Digos ha deferito all’Autorità Giudiziaria C.V., di anni 33, ai sensi del Testo Unico delle Leggi Sanitarie, e dell’art.4 del decreto legge n.19 del 25 marzo 2020 che, in relazione alla violazione delle misure atte ad impedire la diffusione del contagio da Covid-19, prevede l’arresto fino a 18 mesi e l’ammenda fino a 5000 euro. Le indagini hanno avuto inizio a seguito di una segnalazione pervenuta alla Digos dal Commissario per l’emergenza Covid presso l’Asp. il quale indicava una violazione alle norme di sicurezza previste per i pazienti positivi al virus, tra quelli ospitati presso l’albergo King’s house di Fondachello nel Comune di Mascali. Specificatamente, lo scorso 26 agosto è stato ricoverato presso struttura un cittadino spagnolo, a seguito di positività al tampone per Covid 19 riscontrata in forma asintomatica nel corso di controlli eseguiti all’arrivo all’aeroporto di Fontanarossa. Ieri mattina, due amici del ricoverato si sono presentati presso la struttura, chiedendo di poter incontrare lo spagnolo ospitato. Nonostante le ripetute ammonizioni del personale sanitario che ne ha vietato sia l’ingresso che qualsivoglia possibilità di incontro, i due amici, all’insaputa dei sanitari, hanno fatto accesso ugualmente nell’ adiacente zona piscina, fruibile agli ospiti paganti e separata mediante delimitatori dal resto della struttura riservata all’ospitalità dei soggetti in isolamento sanitario. Nel pomeriggio, il personale dell’albergo ha comunicato ai sanitari che C.V. aveva violato le barriere di separazione e si era introdotto all’interno della stanza nella quale è ospitato il cittadino spagnolo positivo alla Covid.

Quindi era, ed è, facile violare l’accesso per introdursi nella parte della struttura della quarantena più volte sbandierata dal Sig.Zappalà come sicura ed indipendente…E SORVEGLIATA…

SONO ANDATI A FARSI IL BAGNO IN PISCINA COME SE NIENTE FOSSE.

Appreso quanto sopra, la Digos della Questura di Catania si è immediatamente attivata per individuare i due soggetti in questione, per le conseguenti necessità di natura sanitaria indispensabili a tutela della salute pubblica. C.V. è risultato essere domiciliato in un comune della provincia di Ragusa: pertanto, gli agenti hanno immediatamente informato i colleghi della Questura iblea, al fine di attivare le necessarie procedure sanitarie a cura dell’Asp di competenza. Il personale dell’Asp di Catania ha, invece, raggiunto il secondo amico (che si era trattenuto nella zona della piscina, senza entrare nella stanza del malato) il quale, in via precauzionale, è stato posto in regime di isolamento nella sua abitazione. L’attività d’indagine svolta dalla Digos, a seguito della segnalazione ricevuta, ha consentito di accertare chiare responsabilità penali, in violazione alle norme del Testo Unico delle Leggi Sanitarie, a carico di C.V. (peraltro aggravate dal fatto che lo stesso risulta esercitare la professione sanitaria), corroborate da dichiarazioni assunte dal personale sanitario presente e dai dipendenti dell’albergo i quali lo hanno visto uscire dalla stanza occupata dal cittadino spagnolo.

Bene.
La struttura è stata violata. Non si sa se questa è la sola occasione avuta dagli avventori del covid ma sicuramente dimostra che è facile valicare l’ingresso ed introdursi dentro, così come sarà facile il percorso inverso, cioè USCIRE DALLA STRUTTURA per andare a spasso insieme al virus.

Il Sindaco e la Giunta sono pregati di intervenire immediatamente.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
%d bloggers like this: