Accelerazionismo : La Teoria REM per Spiegare la Decadenza del Mondo Occidentale

Affrontiamolo: il nostro mondo è in declino.

Vivi al meglio la tua unica vita

Avrei parlato in seguito dell’Accelerazionismo, di cui uno dei più grandi successi è stato indubbiamente la prima Vittoria di Donald J Trump alle Elezioni Presidenziali del 2016. Ma le cose precipitano e quindi oggi esaminiamo l’Apolloism, un tentativo di risolvere l’equazione che al momento non ha soluzione.

In tutto l’ovest la classe media si restringe e la classe operaia soffre, i redditi sono rimasti stagnanti per quattro decenni per la maggior parte dei giovani possedere una casa è un sogno oscuro e lontano.

Offshoring aziendale, lavoro insicuro, peggiori salari e condizioni queste sono le nuove realtà del 21° secolo per peggiorare le cose la tua politica ti porta ad affermare delle élite che mantengono questo nuovo status quo con sempre meno vergogna o ambiguità.

Nel 1987 un uomo che lavorava come negoziante di scarpe poteva mantenere una famiglia e una casa, come questa.

Non molto tempo fa anche i colletti blu lavoravano, guadagnando per vivere una vita decente con la loro famiglia.

Lo stile di vita della classe media offriva il rispetto dei concittadini e una sincera amicizia con i tuoi compagni di lavoro e la dignità dell’autosufficienza.

Ma i lavori in fabbrica, le costruzioni sono ora sempre più il dominio di migranti che accettano di essere pagati meno di un quarto di una paga ordinaria per vivere questa vita decente che i tuoi genitori vivevano.

Si vedono anche lavori da colletto bianco dove gli occidentali sono sostituiti proprio in quei settori in cui era stato promesso lavoro e carriera agli occidentali.

La transizione nell’economia del 21 ° secolo ha avuto come piccola sorpresa Donald Trump eletto in gran parte sulla scia di promesse ad indirizzo: stop all’immigrazione illegale, costruire un muro di confine, reintrodurre il protezionismo economico.

In tutto l’Ovest una simile scarsità di lavoro, i salari bassi e la dignità hanno guidato un ripido aumento del sentimento populista e nazionalista.

Il 2016 ha visto la vittoria della Brexit ancora più sorprendente la repentinità e il punto nella scala accelerazionista del movimento dei gilet gialli, infatti ha scosso l’Europa e ha scatenato proteste simili in tutto il continente. Ogni paese in europa ora vanta partiti anti-establishment in crescita.

Reazioni simili, dovute al cambio demografico con le sue nuove tendenze economiche, in America,
né è l’accelerazione di cosa siamo arrivati ​​a chiamare politica dell’Identità, o Identitaria, limitata al vecchio ceppo etnico di Europa e America.

Momento strappafiato: Un Orango cerca di fermare il bulldozer che sta buttando giù gli alberi….

Nel 2020 la protesta, o presunta tale, dei BlackLivesMatter è diventata globale scatenando proteste e rivolte non solo in tutta l’America ma nelle città di tutta Europa e anche più lontano, come ad Auckland e Sydney.

L’accelerazione di questa battaglia globale per le risorse e il potere politico hanno combattuto largamente le teorie razziali ma le fasi più distruttive di questo sconvolgimento identitario stanno davanti a noi non dietro:
due secoli fa la donna media lo aveva fatto cinque figli, in paesi come il Regno Unito e gli Stati Uniti oggi il tasso medio di natalità occidentale è inferiore ai livelli di sostituzione sulla base delle tendenze attuali il nativo di luoghi come la Francia e l’Inghilterra scomparirà in poche generazioni.

Se solo a livello subconscio vediamo il riconoscimento nascente di questi cambiamenti i tassi di depressione, ansia e abuso di sostanze psicotrope sono saliti alle stelle e con loro il tasso del suicidio.

La crisi degli oppioidi che ha visto decine di migliaia di persone morire di overdose di antidolorifici è solo un assaggio di ciò che potremmo aspettarci.

Nei prossimi decenni l’aspettativa di base della precedente generazione che i loro figli vivessero meglio
di quelli che sono venuti prima sembra destinata ad essere tradita.

In uno sbalorditivo ripudio di ogni bugia d’oro sulla superiorità del pensiero liberale, della democrazia, del capitalismo e dei valori moderni dobbiamo assistere inermi al marciume economico che si muove in parallelo con una decadenza culturale profondamente radicata per citare solo un esempio l’intellettuale i movimenti associati alla scuola di francoforte hanno lanciato associazioni oscure mosse da teorie vecchie sulle basi della società, per questi sedicenti rinneganti la legittimità fondamentale della famiglia di genere complementare tradizionale e i ruoli della potestà genitoriale erano prove di disfunzione sessuale, repressione e persino odio.

Ironicamente, il conseguente crollo di armonia sociale, la sessualizzazione palese e la pornificazione della cultura hanno portato a una diffusa e sessuale sterilizzazione di sempre più numerose persone.

Vite single senza sesso senza amore, fine del matrimonio.

A volte abbiamo la sensazione di quanto profondamente sia radicata questa decadenza e di ciò che essa è diventata, percepiamo chiaramente anche la promozione e la celebrazione di una cattiva moralità e di una cattiva spiritualità perfino estetica…

Siamo nel ruolo di oppositori e prudenti di ua falsa industria della cultura invasiva e parassitaria sulla morale pubblica.

Questo cambiamento è avvenuto lentamente, noi come individui e come collettività sottilmente abbiamo assistito sempre di più a dogni genere di estremismo misto a condizioni decadenti senza divenire, e ne abbiamo avuto consapevolezza.

La bellezza e l’orrore del bene e del male hanno lo stesso diritto, la stessa validità e forse questo il punto dove finisce la storia: con la razza del popolo che Nietzsche ha chiamato: gli ultimi uomini, cioè gli ultimi che lottano solo per porre fine alla lotta chi vive rannicchiato dentro un buco di automobile o di cuccia.

Alla fine è una testimonianza del nostro stato psicologico rovinato che una domanda del genere debba essere posta e nessun altro essere mette in dubbio la legittimità dell’impegno e della sopravvivenza.

Storici e filosofi hanno discusso che anche questo declino è inevitabile per ogni civiltà dominante,
come le piante reagiscono alle temperature e alla luce delle stagioni ognuno si crogiola in una primavera dorata e ognuno appassisce in una caduta inevitabile.

Questa è una tale caduta in effetti inevitabile, questi sono cicli al di fuori del nostro controllo, incapaci di cogliere le radici di questo dilemma e di trovare una cura a questa malattia, qualsiasi nuovo sistema di comprensione non cambierebbe il consenso.

Siamo come le proverbiali rane bollenti, subiamo sottilmente sempre di più gli effetti dell'”Estremo” e condizioni decadenti senza divenire e senza esserne consapevoli.

Questa serie di video è destinata a rompere questo schema guardando entrambe le forme culturali, antiche e contemporanee, attraverso la lente della teoria rem, la rem richiama la fase del rapido movimento degli occhi durante la fase del sonno, il nostro sogno è più attivo nel contesto culturale.

La teoria rem si riferisce al conscio inizio dei sogni, desideri e motivazioni degli artistiparabole e loro spesso coscienti, abilitanti, la teoria della rem traccia una rete di attenzione ai messaggi nascosti realizzati e incorporati nell’arte ai fini di moralizzare positivamente un gruppo e demoralizzarne un altro.

La supposizione della teoria rem è questa questo tipo di codice, la messaggistica, è un’attività sovversiva ma comune e un fenomeno saliente non solo dei media contemporanei ma un’espressione artistica e intellettuale che appare in tutta la civiltà umana.

Compresa all’interno della religione antica la teoria sostiene che in una certa fase di sviluppo della civiltà un tale messaggio sovversivo apparirà nascosto in relativamente innocue forme accettabili, man mano che le popolazioni del pubblico si sono fidate di questa modalità artistica o mezzo,
la messaggistica è cresciuta costantemente di più fino all’esplicitamente sovversivo, e il risultato è un graduale ma radicale e profondamente radicato condizionamento delle popolazioni target.

Per dimostrare fino a che punto questo processo ha raggiunto il nostro tempo e luogo forse è più semplice indicare l’industria sorella di Hollywood nella valle di san fernando detta anche la valle del porno,
valle che Internet ha fondamentalmente cambiato, infatti il modo in cui può essere consumata la pornografia è mutato.

L’età media che un bambino vede per la prima volta la pornografia è adesso 11 anni, e hanno suggerito alcuni studi che i bambini sotto 10 anni rappresentano un quinto della platea di minori che accedono facilmente a ciò che non dovrebbero.

Il risultato è che le giovani generazioni sono desensibilizzate al sesso e la loro capacità di accoppiarsi in un legame saldo è irrimediabilmente compromessa.

Si potrebbe sostenere che dal momento che dall’accelerazione di Internet negli anni ’90 i bambini sono stati di fatto sessualmente abusati su una scala prima inimmaginabile di fronte a un persistente impenitente male e alla bruttezza, tutto diventa nichilismo, ma questo è un rifugio fin troppo facile perché dopo tutto dovremmo preoccuparci scientificamente e storicamente come uomini illuminati che
tutto il tempo umano passa in un batter d’occhio e tutte le conquiste umane sono banali e temporanee.

Alcuni hanno ipotizzato che un religioso risveglio è necessario, come un ritorno ai valori cristiani,
noi sosteniamo che l’Apolloismo è la risposta.

[Fine Prima Parte]

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!