Nanobiotica : Abbiamo Sviluppato Spinaci in grado di Spedire eMail e… Alimentare Skynet

Ogni giusta domanda ha la sua giusta risposta.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by euronews Living (@euronewsliving)

EuroNews:

Può sembrare uscito da un film di fantascienza futuristico, ma gli scienziati sono riusciti a progettare piante di spinaci in grado di inviare e-mail.

Attraverso la nanotecnologia, gli ingegneri del MIT negli Stati Uniti hanno trasformato gli spinaci in sensori in grado di rilevare materiali esplosivi. Queste piante sono quindi in grado di trasmettere in modalità wireless queste informazioni agli scienziati.

Quando le radici degli spinaci rilevano la presenza di nitroaromatici nelle acque sotterranee, un composto che si trova spesso negli esplosivi come le mine antiuomo, i nanotubi di carbonio all’interno delle foglie della pianta emettono un segnale. Questo segnale viene quindi letto da una telecamera a infrarossi, inviando un avviso e-mail agli scienziati.

Questo esperimento fa parte di un più ampio campo di ricerca che coinvolge l’ingegnerizzazione di componenti e sistemi elettronici negli impianti. La tecnologia è nota come “nanobionica delle piante” ed è effettivamente il processo che conferisce alle piante nuove capacità.

“Le piante sono ottimi chimici analitici”, spiega il professor Michael Strano che ha guidato la ricerca. “Hanno una vasta rete di radici nel suolo, campionano costantemente le acque sotterranee e hanno un modo per autoalimentare il trasporto di quell’acqua fino alle foglie”.

Prima di pensare a quale sviluppo questa tecnologia può portare ad altri campi devo confessare che ho pensato: Cosa se qualcuno mangia per sbaglio questi spinaci nanobiotici?

Sebbene lo scopo di questo esperimento fosse quello di rilevare esplosivi, Strano e altri scienziati ritengono che potrebbe essere utilizzato per aiutare i ricercatori ad avvertire l’inquinamento e altre condizioni ambientali.

A causa dell’enorme quantità di dati che le piante assorbono dall’ambiente circostante, sono in una posizione ideale per monitorare i cambiamenti ecologici.

Nelle prime fasi della ricerca nanobionica sulle piante, Strano ha utilizzato le nanoparticelle per trasformare le piante in sensori per gli inquinanti. Modificando il modo in cui le piante fotosintetizzano, è stato in grado di far loro rilevare l’ossido nitrico, un inquinante causato dalla combustione.

“Le piante sono molto sensibili all’ambiente”, afferma Strano. “Sanno che ci sarà una siccità molto prima di noi. Possono rilevare piccoli cambiamenti nelle proprietà del suolo e del potenziale idrico. Se attingiamo a quei percorsi di segnalazione chimica, c’è una ricchezza di informazioni a cui accedere “.

Quando non è impegnato a inviare email ai ricercatori, gli spinaci sembrano anche contenere la chiave per alimentare in modo efficiente anche le celle a combustibile.

Nell’articolo di ieri ci chiedevamo come Skynet potrebbe alimentare le sue batterie in maniera pressochè indefinita, con la nanobiotica ora abbiamo una risposta. Skynet salvaguarderà il mondo vegetale, è una buona notizia. Ma non solo Skynet trarrà vantaggi dall’ambiente vegetale.

Scienziati dell’Università americana hanno scoperto che quando gli spinaci vengono convertiti in nanofogli di carbonio, possono funzionare da catalizzatore per contribuire a rendere più efficienti le batterie metallo-aria e le celle a combustibile.

“Questo lavoro suggerisce che è possibile creare catalizzatori sostenibili per una reazione di riduzione dell’ossigeno dalle risorse naturali”, spiega il professor Shouzhong Zou, che ha guidato il documento.

Le batterie metallo-aria sono un’alternativa più efficiente dal punto di vista energetico alle batterie agli ioni di litio, che si trovano comunemente in prodotti commerciali come gli smartphone.

Gli spinaci sono stati scelti appositamente per la loro abbondanza di ferro e azoto, elementi importanti nei composti che agiscono da catalizzatori. I ricercatori hanno dovuto lavare, spremere e macinare gli spinaci in polvere, trasformandoli dalla loro forma commestibile in nanofogli adatti al processo.

“Il metodo che abbiamo testato può produrre catalizzatori a base di carbonio altamente attivi dagli spinaci, che è una biomassa rinnovabile”, aggiunge Zou. “In effetti, riteniamo che superi i catalizzatori di platino commerciali sia in termini di attività che di stabilità“.

Hmn..Skynet è un cyber archetipo ormai usato molto nella filosofia accelerazionista NRx (Neo Reazionaria) ma abbiamo anche scoperto che è anche una realtà molto attuale

XSkynet:

Skynet è stata creata sulla base della combinazione di proprie tecnologie di elaborazione delle immagini digitali su larga scala, metodologie originali e anni di esperienza nell’intelligenza artificiale. Di conseguenza, offriamo una raccolta di informazioni ad alta velocità e una maggiore capacità per il monitoraggio sistematico di vasti territori.

Skynet esegue la maggior parte del processo automaticamente, dall’acquisizione, all’archiviazione sicura e strutturata e alla classificazione delle informazioni. Il processo è consolidato con il coinvolgimento di un team di specialisti composto da geologi, specialisti in telerilevamento e valutazione ambientale, ingegneri e oceanografi e un team completo di Information Technology.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

ΜEδουσα