Geologia : Un Nuovo Oceano si sta formando in Africa

Secondo il rapporto desecretato dalla CIA, la Vera Storia di Adamo ed Eva, l’incontro e lo scontro delle placche genera ogni 15, 20000 anni un immenso cataclisma che rimodella il pianeta. Ci sono adesso altre prove oltre quelle già conosciute.

Un nuovo oceano prenderà il posto dell’Africa Subsahariana. gli scienziati ritengono che questo avverrà nel corso di milioni di anni, ma hanno dei dubbi e brancolano nel buio per ora.
Io affermo che in base al rapporto di Chad Thomas questo nuovo oceano invece si formerà molto prima di 5 milioni di anni, attraverso il cataclisma ciclico a cui il pianeta è soggetto.

Futurism.com:

In un periodo compreso tra cinque e dieci milioni di anni, è probabile che le placche tettoniche che formano l’Africa si lacerino così tanto che alla fine divideranno il continente in due.

All’interno della regione Afar dell’Etiopia, le placche tettoniche araba, nubiana e somala si stanno lentamente allontanando l’una dall’altra, riferisce NBC News, creando gradualmente una vasta spaccatura, formando lentamente un nuovo oceano.

“Possiamo vedere che la crosta oceanica sta iniziando a formarsi, perché è nettamente diversa dalla crosta continentale nella sua composizione e densità”, ha dichiarato il dottorato dell’Università di Leeds. ha detto alla NBC lo studente Christopher Moore.

Gli scienziati hanno sospettato che le lastre si stiano staccando per un po ‘, ma nuovi miglioramenti al GPS li stanno aiutando a capire esattamente cosa sta succedendo sotto la superficie.

Il nuovo oceano darà ai geologi un’opportunità senza precedenti di capire come avvenga una tale rottura tettonica, secondo NBC. Mentre le placche tettoniche della Terra si muovono costantemente, gli scienziati non sanno ancora cosa, nello specifico, stia allontanando questi tre l’uno dall’altro.

La teoria principale in questo momento è che massicce rocce surriscaldate stanno ribollendo dal mantello proprio nel punto in cui le tre placche si incontrano, ma idee come queste sono difficili da dimostrare.

“Con le misurazioni GPS, è possibile misurare velocità di movimento fino a pochi millimetri all’anno”, ha detto alla NBC Ken Macdonald, geofisico marino dell’Università della California, Santa Barbara. “Man mano che otteniamo sempre più misurazioni dal GPS, possiamo avere un’idea molto più ampia di ciò che sta accadendo.”

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

ΜEδουσα