Immunità Capitale : La Timeline dell’Evasione alle Sanzioni Contro La Russia

_χρόνος διαβασματός :[ 8 ] Minuti_

I ricchi e potenti, i marci Signori del Capitalismo, riescono sempre a farla franca, le sanzioni contro la Russia sono la più grande frode legale del XXI° secolo.

2018

NatLawReview:

Il regime di sanzioni contro la Russia è stato imposto in risposta ad azioni effettive o presunte del governo russo. Queste includevano l’annessione della Crimea e la destabilizzazione dell’Ucraina nel 2014, oltre alle presunte attività informatiche dannose volte a interferire o minare le elezioni presidenziali statunitensi del 2016.

Inizialmente hanno preso di mira una serie di individui e società che sarebbero stati coinvolti in queste azioni o di persone vicine al governo russo. Tuttavia, da allora sono state ampliate per includere sanzioni che vietano l’attività in alcuni settori dell’economia russa (in particolare la sua industria energetica) e hanno anche preso di mira un certo numero di cosiddetti “oligarchi” e le società sotto il loro controllo.

Più recentemente, sono state imposte sanzioni a seguito dell’attacco dell’agente nervino Novichok a Salisbury, nel Regno Unito.

Questo articolo si concentra sulle sanzioni dirette al settore energetico russo.

Le sanzioni settoriali dell’UE
Le sanzioni dell’UE contro il settore energetico russo sono contenute principalmente nel regolamento (UE) n. 833/2014 del Consiglio (come modificato) (il “regolamento UE”). Cercano di inibire l’esplorazione petrolifera e i progetti di produzione in Russia:

in acque più profonde di 150 metri;
nell’area offshore a nord del Circolo Polare Artico; o
che sfruttano le formazioni di scisto mediante fratturazione idraulica.

Le sanzioni operano in due modi chiave. In primo luogo, impedendo la vendita, la fornitura, il trasferimento o l’esportazione degli articoli elencati nell’Allegato II del Regolamento UE (che include una serie di articoli che possono essere utilizzati nell’esplorazione o nella produzione di petrolio, ad esempio tubi di perforazione e involucri) da persone dell’UE o dall’UE per l’uso nei progetti mirati.1 In secondo luogo, vietando la fornitura diretta o indiretta di servizi associati necessari per i progetti mirati, tra cui: perforazione, collaudo di pozzi, registrazione e servizi di completamento; e fornitura di navi galleggianti specializzate.2

Il Regolamento UE vieta inoltre:

alcuni rapporti, direttamente o indirettamente, con valori mobiliari e strumenti del mercato monetario con scadenza superiore a 30 giorni ed emessi dopo il 12 settembre 2014 da, o la concessione di prestiti o crediti con scadenza superiore a 30 giorni a, alcune società russe coinvolte nella vendita o nel trasporto di petrolio greggio o prodotti petroliferi, eventuali consociate non UE possedute al 50% o più da loro e qualsiasi persona che agisca per loro conto o sotto la loro direzione.3 Le società attualmente elencate nel Regolamento UE sono Rosneft, Transneft e Gazprom Neft.

Un regolamento UE separato vieta la vendita, la fornitura, il trasferimento o l’esportazione di determinati beni e tecnologie adatti per l’uso nel settore energetico e per l’esplorazione di petrolio, gas e risorse minerarie in Crimea o Sebastopoli e qualsiasi assistenza finanziaria associata.5

Le sanzioni dell’UE si applicano a chiunque all’interno dell’UE, a qualsiasi cittadino dell’UE o società costituita nell’UE (ovunque si trovi fisicamente) e a qualsiasi attività svolta in tutto o in parte nell’UE.

Veramente?

RT.com:

Il gigante energetico russo Novatek ha firmato una serie di contratti di fornitura e di costruzione con partner internazionali per il suo ambizioso impianto artico per la liquefazione del gas naturale, secondo la compagnia.
Nonostante la costante minaccia delle sanzioni statunitensi, la società italiana Nuovo Pignone, di proprietà del conglomerato multinazionale americano General Electric, ha siglato un accordo da 500 milioni di dollari per la fornitura di turbine a gas per la nuova struttura. Arctic LNG 2 è il secondo impianto Novatek per la liquefazione del gas nella regione artica. Un altro contratto del valore di $ 2,2 miliardi per la costruzione di piattaforme è stato firmato con l’appaltatore energetico italiano Saipem e la società turca Rinascimento.
Secondo i termini del primo accordo, la filiale di GE fornirà 20 turbine a gas LM9000 con una capacità fino a 75 megawatt, costruita sulla base dei motori Boeing 777, riporta il quotidiano russo Kommersant. Secondo i media, l’azienda ha vinto il contratto superando gli offerenti come Siemens e Mitsubishi.
Anche se Novatek, il più grande produttore russo di gas naturale di proprietà privata, è stata soggetta a sanzioni finanziarie statunitensi dal 2014, le forniture di attrezzature per i progetti GNL non sono attualmente prese di mira dalle sanzioni. La società è riuscita a bypassare le misure cambiando il suo finanziamento in euro da dollari di quattro anni fa. Novatek ha anche vinto $ 12 miliardi di finanziamenti cinesi per sostituire i finanziamenti occidentali.

Sanzioni?

BP_plc non ha ricevuto alcuna sanzione negli Stati Uniti pur essendo proprietaria (con una quota del 19,75%) di Rosneft, una compagnia energetica russa.

Ma facciamo un passo indietro.

2012

Ft.com:

Il consiglio di amministrazione della BP ha approvato un accordo da $ 27 miliardi con la compagnia petrolifera russa Rosneft per vendere la sua partecipazione in TNK-BP che dovrebbe suggellare il futuro del gruppo energetico del Regno Unito in Russia per i decenni a venire.
L’accordo significa che BP scambierà la sua complicata partnership con un gruppo di oligarchi russi per un’alleanza con forse la più potente compagnia russa – il campione nazionale dell’energia sostenuta dal Cremlino.

E’ bene ripetere un attimo: “La più potente compagnia russa, il campione nazionale dell’energia sostenuta dal Cremlino“.

Adesso andiamo avanti nella timeline.

2017

Dal Sito Ufficiale della BP (pagina rimossa ma non per noi):

BP e Rosneft concordano una cooperazione strategica nel business del gas
Data: 2 giugno 2017
Questo comunicato stampa è stato rilasciato congiuntamente da BP e Rosneft.
Rosneft e BP hanno firmato oggi un accordo sulla cooperazione strategica nel settore del gas e un memorandum d’intesa (MoU) relativo alla vendita e all’acquisto di gas naturale in Europa. I documenti sono stati firmati al XXI Forum economico internazionale di San Pietroburgo (SPIEF).
Le due società hanno concordato di sviluppare una cooperazione integrata nel settore del gas e mirano a realizzare congiuntamente progetti di gas in Russia e all’estero incentrati sull’esplorazione e produzione di gas, sulla produzione di GNL, sulla fornitura e sul marketing.
Rosneft e BP hanno anche riconfermato il loro reciproco interesse per la cooperazione nel marketing europeo del gas. Secondo il MoU, la controllata interamente controllata da BPneft e BP, BP Gas Marketing Limited, stipulerà un accordo di vendita e acquisto a lungo termine per la fornitura di gas naturale prodotto da Rosneft al fine di garantire la fornitura di ulteriori forniture di gas russo ai mercati europei a partire dal 2019. Questo memorandum costituisce un’altra pietra miliare nello sviluppo della cooperazione strategica tra Rosneft e BP.
“Rosneft è già il più grande produttore indipendente di gas in Russia e intende aumentare ulteriormente i livelli di produzione nei prossimi anni“, ha dichiarato il CEO di Rosneft, Igor Sechin. “La collaborazione con BP fornirebbe a Rosneft sia un nuovo canale di monetizzazione del gas efficiente che le condizioni richieste per lo sviluppo di una nuova base di risorse, compreso il difficile recupero delle riserve di gas”.
“BP è lieta di estendere il suo rapporto continuativo con Rosneft attraverso questo accordo”, ha aggiunto il presidente della BP Russia, David Campbell. “Passare al gas è uno dei pilastri della strategia di BP. È importante per soddisfare la crescente domanda di energia più pulita. Il gas è una percentuale crescente del portafoglio di BP e entro la metà del prossimo decennio prevediamo che circa il 60% della nostra produzione sarà gas, rispetto a circa il 50% di oggi “.
Le parti concordano sul fatto che il sostegno dello Stato Russo per un efficace meccanismo di fornitura di gas è la chiave per il successo dell’implementazione del MoU.

Aspettate. Ripetiamo: “Le parti“, cioè BP e Rosneft, “concordano sul fatto che il sostegno dello Stato Russo è la chiave per il successo.”

BP_plc possiede il 19.75% delle Azioni Rosneft, non è socio di maggioranza, quindi le operazioni della Rosneft sono esattamente DENTRO il pacchetto di sanzioni alle Compagnie Russe promosse da Stati Uniti e Unione Europea.

Inizio Sanzioni 2014 , termine prorogabile 2020. La BP_plc ha operato e sta operando dentro questo spazio temporale.

Consiglio d’Europa:

Sanzioni economiche mirate agli scambi con la Russia in settori economici specifici.
A luglio e settembre 2014, l’UE ha imposto sanzioni economiche mirate agli scambi con la Russia in settori economici specifici.
Nel marzo 2015, i leader dell’UE hanno deciso di allineare il regime di sanzioni esistente alla completa attuazione degli accordi di Minsk, previsto per la fine di dicembre 2015. Poiché ciò non è accaduto, il Consiglio ha esteso le sanzioni economiche fino al 31 luglio 2016.
Le sanzioni economiche sono state prorogate per 6 mesi successivamente dal 1 ° luglio 2016.
L’estensione è stata decisa ogni volta in seguito a una valutazione dell’attuazione degli accordi di Minsk. Le sanzioni economiche sono attualmente prorogate fino al 31 luglio 2019.

Queste misure restrittive:
-Limitare l’accesso ai mercati dei capitali primari e secondari dell’UE per alcune banche e società russe.
-Imporre un divieto di esportazione e importazione sul commercio di armi
-Istituire un divieto di esportazione per beni a duplice uso per uso militare o per utenti finali militari in Russia.
–Ridurre l’accesso della Russia a determinate tecnologie e servizi sensibili che possono essere utilizzati per la produzione e l’esplorazione petrolifera.

L’Italia ha cercato di evadere le sanzioni in più di un’occasione, il Dipartimento della Sicurezza Interna(DHS), ha arrestato imprenditori italiani che stavano fornendo ai Russi materiale per l’industria energetica.

Justice.Gov:

Il 2 dicembre 2019 il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto meridionale della Georgia ha revocato l’accusa di sostituzione, accusando due cittadini russi, due cittadini italiani, un cittadino statunitense e varie società di aver violato e cospirato la violazione dell’International Emergency Economic Powers Act (IEEPA) e l’Export Control Reform Act del 2018 (ECRA), cospirazione per commettere frodi telefoniche e cospirazione per commettere riciclaggio di denaro.

L’atto d’accusa, restituito nell’ottobre 2019 da un gran giurì federale a Savannah, in Georgia, accusa Oleg Vladislavovich Nikitin; La società russa di Nikitin KS Engineering (KSE); Il dipendente KSE Anton Cheremukhin; Gabriele Villone; La società italiana GVA International Oil and Gas Services (GVA) di Villone; e il dipendente GVA Bruno Caparini, con aver violato e cospirato per violare IEEPA / ECRA. Inoltre, i suddetti imputati, Dali Bagrou e la società statunitense World Mining and Oil Supply (WMO) di Bagrou sono accusati di cospirazione per commettere frodi telefoniche e cospirazione per commettere riciclaggio di denaro. Nikitin, Villone e Bagrou sono stati tutti arrestati a Savannah, in Georgia, mentre tentavano di completare la transazione illegale e sono in attesa di processo.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

ΜEδουσα