Atomica : Time-Lapse delle Bombe Nucleari detonate dal 1945 al 1998, e L’Opzione Sansone

_χρόνος διαβασματός :[ 3 ] Minuti_

L’artista giapponese Isao Hashimoto ha creato una bellissima e innegabilmente spaventosa mappa time-lapse delle esplosioni nucleari avvenute tra il 1945 e il 1998,

Partendo dal test “Trinity” del Progetto Manhattan vicino a Los Alamos e concludendo con i test nucleari del Pakistan nel Maggio del 1998. Ciò esclude i due presunti test nucleari della Corea del Nord nell’ultimo decennio (la legittimità di entrambi non è chiara al 100%).

Qui la Tsar Bomba , uno dei più grandi ordigni sganciati dall’Ex Unione Sovietica ai confini del suo estremo nord, se avesse colpito il centro di Londra….:

E credo anche il c.d.Incidente della Vela a largo delle coste dell’Sud Africa fu un bluff, dove si narra che U-Boat Israeliani detonarono un ordigno nucleare pagando il test allo Stato del Sud Africa, con il quale peraltro rimasero legati per altre controversie, come le spie sovietiche e quelle della Stasi che avevano basi proprio nell’Ex Colonia Boera.

Non credere che Israele possieda armi nucleari mi sembra un azzardo, ma hanno solo una struttura adibita a Centrale Nucleare, sono ambigui in questo rapporto con il potere atomico. Forse la loro religione lo vieta. Tuttavia molti eminenti Professori americani di origine ebraica hanno affermato che lo Stato di Israele ha un piano di pronta risoluzione nucleare collaudato e a monitoraggio continuo, il quale prevede un sistema di puntamento nelle maggiori città europee, compresa Roma.

Loro la chiamano Opzione Sansone (Samson Option):
Wikipedia:

Nel 2003, uno storico militare, Martin van Creveld, pensava che l’Intifada di Al-Aqsa allora in corso minacciasse l’esistenza di Israele. [34] Van Creveld è stato citato in The Gun and the Olive Branch (2003) di David Hirst come dicendo:

Possediamo diverse centinaia di testate atomiche e razzi e possiamo lanciarli su obiettivi in tutte le direzioni, forse anche a Roma. La maggior parte delle capitali europee sono obiettivi per la nostra forza aerea. Consentitemi di citare il generale Moshe Dayan: “Israele deve essere come un cane pazzo, troppo pericoloso per disturbarlo”. Considero tutto senza speranza a questo punto. Dovremo cercare di impedire che le cose arrivino a questo, se possibile. Le nostre forze armate, tuttavia, non sono il trentesimo più forte al mondo, ma piuttosto il secondo o il terzo. Abbiamo la capacità di abbattere il mondo con noi. E posso assicurarti che ciò accadrà prima che Israele finisca sotto. [35]

Certo, quantomeno non subiranno nessun altro genocidio. Hanno Israele e le atomiche, puntate anche su Roma. Siamo ok con questo. Come non esserlo? Spartacus sarà vendicato.

Comunque, nel video ogni nazione riceve un segnale e un punto lampeggiante sulla mappa ogni volta che fa esplodere un’arma nucleare, con un conteggio progressivo tenuto sulle barre superiori e inferiori dello schermo.

Hashimoto, che ha avviato il progetto nel 2003, afferma di averlo creato con l’obiettivo di mostrare “la paura e la follia delle armi nucleari“.

Inizia molto lentamente – se vuoi vedere l’azione reale, vai al 1962 o su di lì – ma l’accumulo diventa oltremodo travolgente.

Travolgente, come sapere che sarà dura spiegare agli alieni perchè abbiamo usato l’intero pianeta come sito per test atomici, basti pensare che le c.d. superpotenze facendo i “test” era come se si autocolpissero con i missili atomici, che figata, se ci stanno osservando sanno che non avranno bisogno di sprecare un colpo laser per conquistarci.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

ΜEδουσα