Cinema : Ghost Dog, La Via del Samurai Nero di un Wannabe Warlord Siciliano in America

Ghost Dog The Way of The Samurai (1999), aka Ghost Dog, La Via del Samurai di Jim Jarmush può essere considerata la migliore interpretazione di Forest Whitaker nella sua lunga carriera cinematografica.

Samurai era una parola originariament eusata per indicare il servo generico nell’antico Giappone.

Assunse col tempo, specialmente dopo il 1400 d.C., il significato più ampio che conosciamo oggi.

Purtuttavia il samurai, Guerriero e Filosofo al tempo stesso, rimase per definizione il “servo” del proprio Signore Feudale, Shogun o Daimyo che fosse. Non poteva esistere realtà da “servire” al di fuori di quella del proprio Lord e Comandante.

Un Samurai Nero in America che lavora per la Mafia siciliana però è davvero una storia incasinata ma un assoluto diamante nella soffitta per gli appassionati del cinema underground.

Forest Whitaker interpreta il lupo solitario “Ghost Dog”, un sicario al servizio di una folla, che segue l’antico codice dei samurai come delineato nel libro dei detti registrati di Yamamoto Tsunetomo, Hagakure.

In un mondo corrotto, popolato da anime frammentate, spacciatori neri e doppi giocatori, lealtà, onore e rispetto sono una trinità di valori di un tempo perduto, un diamante raro che brilla in uno spirito che vive in mezzo a noi.

Ghost Dog è quello spirito e ti mostrerà .. La Via dei Samurai.

Co-protagonista la bellissima Tricia Vessey, ormai fuori dal mondo dello spettacolo, ed in politica con i democratici.

Devo anche dire che non sono un fan della musica rap ed hip hop, anzi il contrario. Ma la colonna sonora di Ghost Dog ha il suo perchè, performato da RZA e Wu Tang Clan, oscure leggende musicali del loro genere.

Intervista a JIM JARMUSCH – di IAN JOHNSTON

La gente non segue più nessun codice“, si è lamentato il regista, quando ho iniziato l’intervista a Soho House, Londra, durante il tardo autunno del 1999, chiedendomi il tema alla base dello scontro di culture antiche e codici. “I margini in cui esistono gruppi criminali organizzati come la mafia si stanno riducendo perché la criminalità aziendale li ha usurpati. Quindi, immagino che il film rifletta la nostra società in un certo senso.”

Cosa ti ha portato alla filosofia Samurai?

JIM JARMUSCH: “In realtà, non ho iniziato con la storia dei samurai. Ho iniziato con il personaggio e poi è diventato un samurai. Ma mi sono interessato alla cultura samurai dopo aver visto per la prima volta l’interpretazione di Kurosawa nei film, e poi ho trovato questo libro, Hagakure, quando ero a metà della sceneggiatura. Poi si è insinuato nel film stesso, in qualche modo, non so come spiegarlo. Immagino che quello che mi interessa di più è che nella cultura occidentale i guerrieri hanno uno scopo specifico, che è combattere per la guerra, e nella cultura orientale i guerrieri sono anche preparati a un livello spirituale molto profondo, il codice dei samurai e persino più in profondità i sacerdoti Shaolin, che sono maestri di Kung Fu ma sono anche sacerdoti illuminati. La differenza mi interessava molto, avere una profondità spirituale per un personaggio che è un guerriero “.

Ghost Dog è ovviamente fortemente informato da Le Samourai di Melville, ma sembra ugualmente influenzato dal culto hip-hop Wu-Tang, utilizzando il membro fondatore RZA, per la colonna sonora e così via.

JIM JARMUSCH: “Sicuramente. Mi piace la sintesi. In passato, scrivendo un film o iniziando a pensare a un film o una storia, se qualcosa proveniva da un’altra fonte, un libro o un altro film, lo respingevo, perché non era originale, mentre in questo caso ho accolto quelli cose. Penso che sia venuto dalla musica, dal be-bop e dall’hip-hop. Nel be-bop puoi suonare all’interno di un assolo esterno e puoi citare lo standard, intrecciarlo lì e non suonare lo standard ma ti riferisci ad esso. E l’hip-hop prende le cose da molte fonti. Quindi molte di queste cose sono arrivate lì ”. Certamente Le Samourai, così come le cose nei film di Seljun Suzuki, un regista giapponese di film di gangster degli anni ’60 ”

La scena della ripresa attraverso lo scarico?

JIM JARMUSCH: “Sì, esattamente. E cose da Mary Shelley, da Don Chisciotte, da Rashomon, da Hagakure, il Wu-Tang; tutti i tipi di posti. C’è un film che amo di John Boorman chiamato Point Blank. È basato sui libri di Richard Stark, noto anche come Donald Westlake, e sono un grande fan del suo lavoro (di Stark) e del personaggio di quei libri, Parker. Nel film hanno cambiato il suo nome in Walker. Quel personaggio, Parker, è molto concentrato quando svolge un lavoro criminale. È implacabile nella sua concentrazione e non distraibile, come Ghost Dog. Ho aperto la porta per far entrare quelle cose, che era un po ‘diverso per me. ”

Come hai trovato RZA con cui hai poi lavorato?

JIM JARMUSCH: “Beh, è ​​come se, se vuoi trovare un criminale, non vai dalla polizia, ma dagli altri criminali. Quindi ho capito che non avrei ottenuto l’RZA tramite il suo avvocato o la direzione, devo trovare persone che conosco che lo conoscono. Quindi l’ho fatto e mi hanno portato a lui. Al nostro primissimo incontro abbiamo avuto un’intesa molto forte, un modo semplice per comunicare tra di noi, anche se proveniamo da posti molto diversi, andavamo molto d’accordo. Dal primo incontro ha detto che voleva farlo, il che mi ha sorpreso perché le persone ci provano sempre per fare così tante cose “.

Se questo è un film di genere, quale sarebbe?

JIM JARMUSCH: “Non lo so. Sai, non sono analitico riguardo alle mie cose; Sono così intuitivo che per me è difficile dirlo perché contiene molti generi. Lo considero un “Ëœ Gangster / Gangsta / Hip-Hop / Samurai / Orientale / Western”, sai? Allora, di che genere si tratta esattamente? Non lo so.”

Come ti è venuta la storia?

JIM JARMUSCH: “Vedi, inizio con attori per i quali voglio fare un personaggio. Poi raccolgo un sacco di dettagli e poi mi siedo con loro e make a unire i punti che si estraggono da loro; guarda cosa sta diventando di immagine. Non so affatto quale sia la storia o dove stia andando a finire. Ho appena fatto un salto e inizio. In effetti, penso di farlo al contrario. La maggior parte delle persone ha un’idea per la storia e alla fine l’ha scelta, ma io inizio prima con gli attori “.

Quindi Forest Whitaker è stato il primo attore che avevi in ​​mente di interpretare Ghost Dog?

JIM JARMUSCH: “Sì, è stato lui il punto di partenza di questo film.”

Ha aiutato a costruire il personaggio con te?

JIM JARMUSCH: “Lo ha fatto. Anche quando stavo scrivendo. Vivo a New York, ma andrei tre volte a LA per parlargli, anche prima di scrivere, quando stavo solo prendendo appunti e cercando di inventare un personaggio, gestivo le cose da lui e vedevo quello che pensava. Ha aiutato molto con piccoli dettagli, concentrandosi principalmente sul personaggio. Non sapevo che Forest avesse studiato arti marziali. La scena in cui si allena con le spade sul tetto, era qualcosa che volevo che facesse, ma pensavo che avrebbe dovuto allenarsi per farlo. Ma lui sapeva già quella roba, e il suo modo di usare le pistole come un’estensione del suo corpo, in un modo in cui useresti una spada nelle arti marziali, è venuto da lui. In certi modi si muove fisicamente. Ha portato molte cose belle nel film, ma soprattutto riguardo al suo personaggio piuttosto che alla storia, anche se era interessato al motivo per cui il suo personaggio avrebbe fatto certe cose. È stato davvero, davvero disponibile, molto generoso, davvero lì per il film, al centodieci per cento. È stata davvero una bella esperienza lavorare con qualcuno così concentrato. ”

L’umorismo in Ghost Dog, un’immagine che sembra preoccuparsi della fragilità della mortalità, risate nell’oscurità?

JIM JARMUSCH: “Adoro quella citazione di Oscar Wilde:” La vita è troppo importante per essere presa sul serio. “”

Questa intervista è stata precedentemente pubblicata su Popcorn, il sito di film online della televisione Carlton da tempo chiuso.

I nostri corpi vengono fuori dal nulla. Esistendo dove dove non esiste niente è il significato della frase, “La Forma è Vuoto”. Che tutte le cose arrivano dal nulla è il significato della frase “Il Vuoto è forma”. Nessuno dovrebbe pensare che queste sono due cose separate.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

ΜEδουσα